Ci eravamo ripromessi di scrivere un post in "quasi tempo reale", sul Web Marketing Festival 2017. Non l'abbiamo fatto, sommersi dalla quantità di stimoli e contatti generati in quei due giorni.

Proviamo ora, a distanza di oltre due settimane, a ragionare su cosa ci resta della due giorni riminese.

Ci resta un'apertura forte, coinvolgente dal punto di vista dei contenuti e delle emozioni.  Una partenza con video, musica e il coraggio di affrontare temi importanti "a muso duro".  

GrowItApp

Francesco Ronchi (CEO/Founder di Synesthesia), Stefano Tronci (eCommerce Area Manager di Synesthesia) e Daniele Biolatti (GrowItApp)

L'apertura con i Modena City Ramblers e la loro hit I cento passi. Perchè i 100 passi di Peppino Impastato dobbiamo farli tutti, nella direzione di una digitalizzazione consapevole e attenta al prossimo. Una Digital Transformation sana, non volta solo al profitto, ma al miglioramento sociale.

Per questo il discorso di apertura, tenuto da Francesco Morace (Presidente di Future Concept Lab) e tutto centrato su come internet può aiutare e supportare la legalità. Può e DEVE supportare la legalità.

Un'altro intervento molto interessante è stato quello di Federica Angeli, giornalista di Repubblica che da anni si batte contro le attività mafiose del litorale romano. Un discorso (L'antimafia digitale) coinvolgente e coraggioso. Al termine l'intera sala Plenaria si è alzata in piedi ed ha applaudito per diversi minuti. Noi ci siamo portati a casa che non bisogna mai voltarsi dall'altra parte. MAI. Ognuno può contribuire al miglioramento per tutti nell'era dell'informazione. Ma è fondamentale il coraggio di non voltarsi mai dall'altra parte, di guardare in faccia le angherie e le ingiustizie, e di chiamarle con il loro reale nome.

Federica Angeli. Fonte: https://www.linkedin.com/company-beta/10517156/

Passando ai contenuti più direttamente connessi al digital, gli interventi sono stati tutti - come sempre - di elevato valore. Impossibile seguire tutti quelli desiderati (fortunatamente sono già disponibili le registrazioni audiovideo sulla piattaforma).  Tra quelli che abbiamo seguito ne citiamo alcuni. Abbiamo ad esempio seguito Andrea Cecchetti, che ha presentato le ultime novità di LinkedIn Advertising e le modalità per costruire una campagna LinkedIn di successo attraverso la sperimentazione di A/B test e creatività differenti. Il tutto attraverso un case reale corredato di numeri e risultati.

 

a/b test linkedin

Slide tratta dal talk di Andrea Cecchetti "LinkedIn Advertising: come sfruttare le ultime novità per avere reale successo".

 

Tra le numerose nuove sale tematiche, quella sui ChatBot ha avuto un successo notevole. Tra i vari interventi segnaliamo quello di Paolo De Santis e Stefano Argiolas, che hanno approfondito il tema dei Chatbot dal punto di vista dell'"umanizzazione" degli stessi e di come rendere la conversazione tra assistenti virtuali e utenti quanto più naturale possibile.

Sempre nella sala Chatbot abbiamo assistito al talk di Elia Bazzocchi  e Gian Angelo Geminiani che, dal Customer Care al Content Delivery all'Automazione delle Vendite per le aziende e il turismo, hanno parlato dell'utilizzo di Chatbot all'interno di una strategia multicanale.

Come ogni anno un momento che merita una menzione a sé è stata la "Festa in spiaggia": grande divertimento, ottima musica, abbondante birra e networking informale. Un mix fondamentale, per chi si occupa di digital.

Eccovi alcune foto tratte dall'account Facebook ufficiale del Web Marketing Festival

 

 

24 giugno 2017: WMF day 2

E del sabato, quali immagini abbiamo portato via con noi?

Image may contain: 4 people

Fonte: www.facebook.com/WebMarketingFestival/photos/pcb.10154929668803477/10154929664428477/?type=3&theater

Una mattinata assonnata ma piena di entusiasmo, anzitutto. Alle 9 del mattino pronti e attenti ad ascoltare Marco Cilia che in sala Web Analytics ha presentato Google Optimize. Marco, che con la sua ironia e la sua simpatia ha saputo risvegliare anche chi la sera prima aveva fatto le ore piccole in spiaggia, si è focalizzato sul nuovo tool di A/B testing di Google mostrando con esempi in real time tutte le potenzialità di questo strumento.

Dal Web Analytics ci siamo poi spostati all'email marketing con Paolo Errico che ha parlato delle 10 cose da fare e da non fare durante una campagna di email marketing e come utilizzare tools, strumenti e strategie per avere successo e andare oltre alla semplice spedizione di email.

Sempre sui temi dell'email marketing ha parlato anche Claudia Temeroli che ha affrontato il tema del marketing automation e di come questo consenta di gestire un maggior numero di campagne con minori risorse, incrementare i tassi di conversione e soprattutto vendere di più. Il tema della marketing automation, nell'e-email come nel mobile e in molti altri ambiti del digital marketing, è a nostro giudizio un punto su cui scommettere per ingaggiare gli utenti e massimizzare il ritorno di investimento.

Anche il secondo giorno è stata fondamentale la "visione" che il WMF ha voluto trasmettere. Nella sala Plenaria Neri Marcorè e Gianluca Giansante hanno introdotto  i temi dell’immigrazione e dell’accessibilità digitale e parlato delle crisi di comunicazioni in Rete. Sono intervenuti tra gli altri alcuni rappresentanti di Unicef Italia che hanno condiviso  la loro esperienza nella gestione della comunicazione nei momenti di emergenza.
Creare un mondo digitale che sia di supporto alle situazioni di difficoltà, siano esse i flussi migratori internazionali dovuti a crisi umanitarie, o l'accesso ad un web davvero rispettoso di disabilità o inabilità non è una priorità. E' una NECESSITA'.

La "Sala ChatBot" durante il secondo giorno è stata sostituita dalla "Sala Mobile Marketing". Flavius Florin Harabor ha presentato "Telegram for Business: chatbot e VoIP per le nuove strategie di comunicazione aziendale". Durante il suo discorso Flavius non si è limitato a presentare l'app e i Bot ma ha spiegato come essi siano uno strumento prezioso per chi è alla ricerca nuove strategie di comunicazione aziendale.

Un'altra "nuova sala tematica" è stata quella del Programmatic. Moderatore ma anche Relatore di questa sala, Riccardo Guggiola che ha svelato i segreti della tanto discussa Data Management Platform, meglio conosciuta con l’acronimo di DMP che, insieme alla proprietà dei dati e ai big data sono uno dei temi caldi che gli inserzionisti vogliono approfondire per la loro agenda digitale. Durante lo speech Riccardo ha parlato di come gestire i dati proprietari,  come integrarli nell'ecosistema online e come integrare le informazioni per per svolgere attività di programmatic buying.

Tra gli speech, ci portiamo a casa ovviamente anche la nostra esperienza. Daniele Biolatti ha provato ad approcciare mobile apps e ChatBot con "spirito critico". Obiettivo era quello di fornire  un modus operandi per comprendere come e quando prediligere l'una o l'altra soluzione nei confronti di clienti che - alcune volte - hanno aspettative diverse rispetto alle reali potenzialità tecnologiche. E' stato particolare ricevere come feedback l'appunto che il nostro è stato l'unico intervento per certi versi "critico" rispetto ai ChatBot. Se volete saperne di più potete leggere l'articolo di Daniele su qui.

Biolatti Web Marketing Festival

Ok, tornati a tarda sera, le sensazioni rimaste sono davvero varie. Anzitutto il WMF17 si conferma come probabilmente L'EVENTO del digital marketing in Italia: circa 6'000 iscritti, oltre 200 interventi tenuti da professionisti del settore su tematiche tendenzialmente approfondite per gli addetti del settore connotano un'identità volta alla formazione continua e all'aggiornamento professionale sicuramente di livello.
Parallelamente, un evento che porta con sè una visione FORTE, CHIARA e DETERMINATA sul digital come fattore trainante della trasformazione non solo economica ma anche e soprattutto sociale. Capire, conoscere e applicare il digital per vivere meglio tutti. online e offline. Questo è forse il grande messaggio che ci portiamo via quest'anno.